Per te che non puoi permetterti vacanze da sogno

Immagine1

Trasmissione radiofonica di RAI  RADIO 1 “Ascolta si fa sera” del 16 agosto 2013

In studio: Mons. Arturo Aiello – Vescovo di Teano – Calvi

***

Pace e bene.

In questi giorni di ferie cerchiamo luoghi e tempi dove ritrovare la pace, come se il dono desiderato ci venisse da un luogo, da una compagnia ben assortita o comunque da fattori esterni a noi e non dal profondo del cuore, dove Dio abita.

Umberto Saba nella poesia Milano ci insegna a trovare pace anche nel caos di Piazza del Duomo. Ti leggo il testo.

 

Fra le tue pietre e le tue nebbie faccio

villeggiatura. Mi riposo in Piazza

del Duomo. Invece di stelle

ogni sera si accendono parole.

 

Nulla riposa della vita come

la vita.

 

È un invito a riposare ascoltando il vorticare delle rotte celesti e il guazzabuglio, come scriveva Manzoni, che è il cuore dell’uomo.

Ho scelto questi versi di Saba per te che non puoi permetterti vacanze da sogno, che non mi ascolti sdraiato all’ombra di una palma dinnanzi a una spiaggia con barriera corallina, ma sei nella tua città, magari incolonnato nel traffico o alle prese con mille problemi.

Nulla riposa della vita come la vita – dice il poeta.

La pace è il dono inatteso al fondo di mille tensioni o in una sera come questa, in cui hai dovuto combattere su molti fronti.

«Sono venuto a portare il fuoco sulla terra; e come vorrei che fosse già acceso!», dice Gesù nel vangelo che ascolterai Domenica.

È il grido di un incendiario, la preoccupazione di un guerrafondaio, che, preoccupato di una falsa pace, di una tranquillità oppiacea, invoca il fuoco della lotta perché non si abbia a ritenere la pace un dono ottenuto una volta per sempre, ma da conquistare nuovamente ogni giorno.

Un amaro aforisma recita che l’uomo nasce incendiario e muore pompiere. Spero che non sia vero per te e per me!

***

Il testo è stato tratto dalla registrazione della trasmissione e non è stato sottoposto a revisione dell’autore.

Annunci