Sale e luce per dare sapore e colore ad ogni vita

Immagine1

Trasmissione radiofonica di RAI  RADIO 1 “Ascolta si fa sera” del 7 febbraio 2014

In studio: Mons. Arturo Aiello – Vescovo di Teano – Calvi

***

Pace e bene.

È diffusa l’idea che, per cambiare una realtà sociale o ecclesiale, si debba essere in tanti, e moltissime riunioni di associazioni e gruppi si concludono con l’amara constatazione: “Sì, sarebbe bello, ma siamo in pochi a crederci!”. Tanti sogni si trasformano in chimere perché si ritiene erroneamente che si debba essere in tanti a sognare e con la stessa intensità. Tu parteggi per quelli che invocano le folle e le sottoscrizioni voluminose o appartieni a quel piccolo gruppo che ritiene che il cambiamento principi dal poco e dal singolo? Credi che un solo uomo possa cambiare un secolo intero? Francesco e Chiara di Assisi rivoluzionarono non solo la loro cittadina alle falde del Subasio, ma un intero secolo e la Chiesa dei secoli seguenti, fino ad oggi. Alla domanda che fa abortire tanti miracoli: “Perché proprio io?” preferirono l’altra, madre di tanti mutamenti: “Perché non io?”. Non solo nella Chiesa ma per il mondo intero invochiamo la presenza di uomini e donne che umilmente e con fermezza inizino a cambiare se stessi andando controcorrente e accettando il disagio della diversità.

Il sale è, in proporzione agli altri ingredienti, una minoranza esigua, eppure, restando se stesso, esalta il sapore di ogni parte e condisce ogni cosa.

La luce non è come l’albero, il fiore, la farfalla, ma, accarezzando ogni cosa, esalta il profilo, il colore, e dona vitalità a tutto il creato.

Gesù utilizza questi due simboli, sale e luce, per descrivere la presenza dei discepoli nel mondo. Con il loro semplice esistere e restando fedeli a se stessi e al Maestro potranno dare sapore e colore ad ogni esperienza, ad ogni cultura, ad ogni vita.

La disgrazia del sale che perde il suo sapore è pari al discepolo che si mimetizza nel mondo e smette d’essere segno di contraddizione. Si sa, il sale brucia, ma non fa decomporre; è salato, ma, nascostamente, dona sapore ad ogni cosa.

Coraggio, anche da solo, puoi fare molto, iniziando da te!

***

Il testo è stato tratto dalla registrazione della trasmissione e non è stato sottoposto a revisione dell’autore.

Annunci