Alla sera della vita, senza lancia, né armatura

Immagine1

Trasmissione radiofonica di RAI  RADIO 1 “Ascolta si fa sera” dell’8 agosto 2014

In studio: Mons. Arturo Aiello – Vescovo di Teano – Calvi

***

Pace e bene.

L’autore dell’Imitazione di Cristo, un testo medioevale che ha formato centinaia di generazioni di credenti, è lapidario nella sua definizione: Vita hominis militia est, la vita dell’uomo è un combattimento.

Quando siamo raggiunti da definizioni come questa, restiamo interdetti, a tratti indispettiti, perché ci sembrano eccessive e non rispettose delle mille sfumature che la vita contiene, eppure, se ci fermiamo un attimo, ci accorgiamo che nella loro apparente semplicità sono un condensato di sapienza millenaria. Sì, la vita è un combattimento contro nemici esterni ed interni. Ogni mattina partiamo baldanzosi, lancia in resta, con mille buoni propositi e a sera ci ritroviamo perdenti e umiliati. E ciò che accade ogni giorno è il frammento di un tutto che è la vita, in cui da giovani partiamo al galoppo in sella a un cavallo vincente e con un’armatura lucida e scintillante, e alla fine, alla sera della vita, ci ritroviamo a piedi, senza lancia, né armatura. Sconfitti.

Nel romanzo Il vecchio e il mare di Hemingway l’autore ci racconta di un vecchio pescatore che, dopo giorni infruttuosi, finalmente arpiona un grosso cetaceo e non potendolo caricare a bordo lo accosta alla barca e prende la via del ritorno, sognando il guadagno e la gloria che gli verranno quando entrerà nel porto. Sentendo l’odore del sangue gli squali lo attaccano più volte divorando la preda e mettendo in pericolo la stabilità della barca e la stessa vita del pescatore. A sera, quando giunge esausto al porto, Santana (si chiama così il protagonista), divorato dalla sete, dalla febbre e dalla lotta sostenuta, porta con sé solo la grossa lisca del cetaceo del tutto divorato dagli squali.

Mi sembra la parabola della vita.

In una notte tempestosa sul lago i discepoli sono visitati da Gesù, che li rincuora, dicendo: «Non temete, sono io».

Nei combattimenti della vita la Sua presenza è la fonte del nostro coraggio.

 ***

Il testo è stato tratto dalla registrazione della trasmissione e non è stato sottoposto a revisione dell’autore.

Annunci