I fatti e le azioni avranno la meglio sulle parole e sui colletti bianchi

Immagine1

Trasmissione radiofonica di RAI  RADIO 1 “Ascolta si fa sera” del 26 settembre 2014

In studio: Mons. Arturo Aiello – Vescovo di Teano – Calvi

***

Pace e bene.

Che le parole valgano più dei fatti è una convinzione, purtroppo, molto radicata. Un proverbio in questa direzione è fin troppo esplicito: “Creati una buona fama e poi mettiti a dormire”. Come a dire: Preoccupati della tua immagine, curala nei minimi particolari, consegnala agli altri come un biglietto da visita, e poi datti ai bagordi, essendo certo che gli altri continueranno a fotocopiare la buona impressione che tu hai dato all’inizio, senza fare attenzione al tuo reale vissuto.

È una tentazione per i buoni ed un marchio infamante per chi voglia riscattarsi rispetto al passato, ed avverta come un impedimento un momento di debolezza o un passo falso, rispetto ad un cammino di vera conversione.

Le parole hanno davvero questo terribile potere formativo e performativo? Non per tutti.

Gesù nel vangelo di Domenica dirà: I pubblicani e le prostitute vi precederanno nel regno di Dio, per affermare che, alla fine, i fatti e le azioni avranno la meglio sulle parole e sui colletti bianchi.

Chiedo per te, per me, stasera, il dono di una vita autentica, fatta di gesti di bene nascosti agli occhi degli altri, ma annotati e fissati nel cuore di Dio.

***

Il testo è stato tratto dalla registrazione della trasmissione e non è stato sottoposto a revisione dell’autore.

Annunci