Dio ci vuole felici

Immagine2

Trasmissione radiofonica di RAI  RADIO 1 “Ascolta si fa sera” del 10 ottobre 2014

In studio: Mons. Arturo Aiello – Vescovo di Teano – Calvi

***

Pace e bene.

La parabola degli invitati alle nozze, in scena domenica prossima, ci ricorda innanzi tutto che Dio ci vuole felici e che la gioia nuziale deve pervadere, nonostante tutto, la nostra vita.

La nostra avventura umana è una mensa ricca, imbandita con cura di particolari, e che abbonda di incontri, sguardi, lacrime, di pane e vino, di amore e fantasia, di stelle e fiori, di sensi ricolmi come calici innalzati per un brindisi.

La vita è bella, sembra ricordarci Gesù, eppure, nonostante tanta bontà e bellezza, in barba a tanta abbondanza e gratuità, noi scegliamo di vivere in un sottoscala o in un abbaino, mentre i saloni di rappresentanza del castello restano deserti. Molti si scusano, declinando l’invito alla gioia: “Non posso essere felice oggi, ho molto lavoro da svolgere.” “Sarebbe bello, ma ho una bolletta da pagare”. “Sì, vorrei vivere appieno, ma oggi è cattivo tempo ed io sono meteoropatico”. E intanto, tra un capriccio e l’altro, tra un incidente di percorso e un ritardo del treno, tra un’incomprensione e l’ansia da prestazione, passa la vita.

Tu hai diritto ad essere felice: Dio lo vuole e devi volerlo anche tu.

***

Il testo è stato tratto dalla registrazione della trasmissione e non è stato sottoposto a revisione dell’autore.

Annunci